Primary Level Menu

REATI TRIBUTARI: DA DOMANI SOGLIE PIU' ALTE

Con il D.L 158/2015 saranno introdotti nuovi limiti oltre i quali scatta il reato: omessa presentazione della dichiarazione dei redditi ed IVA, omesso versamento delle ritenute e IVA, dichiarazione infedele. Quando l’evasione non raggiungerà le nuove soglie non vi sarà né una sanzione amministrativa né il processo penale.

Non saranno puniti né coloro che ancora non sono stati scoperti né coloro che avendo già ricevuto l’avviso sono stati già segnalati, anche con il processo in corso.

Allo stesso modo potranno beneficiarne retroattivamente anche coloro che già hanno presentato la dichiarazione entro il 30 settembre scorso (art. 2 Codice penale). Inoltre nel caso il debito fosse già stato estinto non sarà comunque più perseguibile e nel caso di processi in corso non lo sarà comunque se il pagamento sia avvenuto prima dell’apertura del dibattimento.

Omessa presentazione dichiarazione e IVA: non saranno più punite le violazioni con imposta evasa da 30000 a 50000 euro.

Sarà invece più dura la pena che diventa da un minimo di un anno e 6 mesi a un massimo di 4.

Dichiarazione infedele: imposta evasa > 50000 e < 150000

Valore assoluto imponibile evaso: > 2milioni < 3.

Omesso versamento ritenute: la soglia é di 150000 euro.

Omesso versamento IVA: depenalizzazione per soglie da 50000 a 250000 euro.